SERVIZIO FOTOMETRIE

Scopri il nostro servizio per la rilevazione delle fotometrie.

Il servizio fotometrie è fornito attraverso un apposito laboratorio attrezzato con sofisticate apparecchiature in grado di effettuare tale servizio come di seguito specificato.

PHOTOGLOBE 4FA SEMPLIFICATO

Il fotogoniometro Photoglobe 4FA SEMPLIFICATO è classificato come:

  • tipo 4 secondo la normativa EN 13032-1
  • tipo C secondo la normativa IES LM-79-08

ovvero:

  • la sorgente luminosa è fissa per tutta la durata della misurazione e può essere montata in qualsiasi posizione di funzionamento;
  • il fotometro si muove sulla superficie di una sfera virtuale, il cui centro coincide con il centro fotometrico della sorgente luminosa;
  • la misurazione della ripartizione dell'intensità luminosa è generalmente effettuata mediante un movimento continuo in zone sferiche (parallele all'equatore) o in segmenti sferici (da polo a polo).

Photoglobe 4FA SEMPLIFICATO è composto da una struttura ad arco, in alluminio, mossa da un motore passo-passo che la fa ruotare intorno all'asse virtuale che parte dal centro fotometrico dell'illuminatore. L'illuminatore è posizionato frontalmente rispetto all'arco e resta fisso durante l'esecuzione della misura fotometrica La struttura in alluminio porta-sonde, gira in maniera solidale all’asse ottico del proiettore di cui si vogliono rilevare le curve fotometriche.

Su questa struttura rotante, a quarto di circonferenza, sono poste 10 sonde (ogni sonda rappresenta uno specifico angolo del piano “Gamma”) che acquisiscono simultaneamente.

Un’interfaccia hardware ed un potente software di gestione permettono di acquisire ed elaborare i valori di misura, tramite computer, in maniera completamente automatizzata.

Gruppo di acquisizione (sonde)

Il sistema è comprensivo di 10 sonde per l’acquisizione lungo gli angoli del piano gamma disposte su una struttura ad arco (90° gradi), di raggio 1350 mm.

Le singole sonde presentano le seguenti caratteristiche:

range di misura 0-300000 lux
risoluzione 2 decimali
precisione <0.01 %
accuratezza <0.03 %
sensibilità 0.05 lux
incertezza di misura < 1 %
prestazione totale Classe L (errore totale <3%) per uso in laboratorio
tempo di integrazione 1’’

Per avere un minore scostamento rispetto alla V(λ) il sistema prevede due tipi di calibrazioni: una per LED ed una per tutte le altre sorgenti (“non LED”).

Sarà sufficiente che l'operatore scelga il tipo di misurazione da effettuare, utilizzando il relativo comando nel software.

Un sistema ottico, integrato nelle sonde, allontana l’immagine della sorgente rendendola puntiforme.

In questo modo, il requisito della normative UNI EN 13032-1 e IES LM-79-08 in termini di rapporto tra la distanza di misurazione e la dimensione massima della superficie di emissione luminosa dell'apparecchio di illuminazione è pienamente soddisfatto.

Convertitore analogico digitale

Grazie ad una sofisticata elettronica di supporto le 10 sonde si collegano al computer attraverso un convertitore analogico digitale.

Supporto Sonde

Il supporto sonde è una struttura ad arco (quarto di cerchio, ovvero coprente un angolo di  90°) di raggio 1350 mm.  Le sonde sono poste sulla struttura nella parte interna dell’arco in modo tale che le perpendicolari alle superfici delle sonde stesse si intersechino nel centro dell’arco dove è posto il centro fotometrico della lampada da misurare.

Per la procedura di centraggio dell’illuminatore il supporto sonde è dotato di due puntatori laser, uno sopra la sonda 0° e l’altro sopra la sonda 90°, i cui fasci sono perfettamente allineati ai piani fotometrici. Il punto di intersezione di questi due fasci deve coincidere con il centro fotometrico dell'illuminatore.

In corrispondenza all’angolo 0° del piano Gamma l'’arco è collegato a un motore passo-passo che fa girare la struttura, a step azionati da computer, intorno ad un asse che coincide con l’asse ottico della lampada da misurare posta nel fulcro dell’arco stesso. La struttura e la velocità di rotazione del supporto sonde sono state progettate in modo da minimizzare le vibrazioni nel momento in cui il sistema è in fase di misura.

Elettronica di controllo e comando della movimentazione del motore

La scheda di controllo del motore è una scheda di comando con un firmware dedicato in grado di far dialogare il motore stesso con il computer. Essa è in grado di tradurre i comandi di movimentazione e velocità dati dal computer al motore e di fare un check sul movimento eseguito in modo che siano leggibili dal computer stesso.

Caratteristiche di movimentazione meccanica del braccio:

  • braccio rotante (a quarto di cerchio) in alluminio nero  rotazione in azimut +/- 180°;
  • precisione: concentricità 0.0015 mm;
  • minimo passo angolare imponibile in remoto (Piano C) 0.1°;
  • reperibilità meccanica: 0.006°;
  • accuratezza: 0.01°;
  • controllo e movimentazione asse (rotazione) n. 1 motore passo-passo;
  • raggio braccio: 1350 mm;
  • tempo di acquisizione: rilevamento di coordinate da parte del controllo a goniometro fermo < di 0.3 secondi.

misura  assoluta   (quando  per  normalizzare  i  valori  ottenuti  in  seguito  alla  misurazione,  ovvero trasformare i lux in cd/klm, verrà usato il flusso in uscita dall’apparecchio; tale flusso viene calcolato dal software secondo normativa UNI 11356);

misura relativa (quando per normalizzare i valori ottenuti in seguito alla misurazione, ovvero trasformare i  lux in cd/klm, viene usato il flusso nominale della sorgente, noto in seguito a una misura di flusso o dichiarato dal produttore della sorgente ; tale flusso viene inserito manualmente, all'inizio della misura).

ESEMPIO DI REPORT FOTOMETRIA

  • Goniometro

    accuratezza di rotazione contenuta in 0,1º, 19 sonde in grado di misurare contemporaneamente i rispettivi valori fotometrici e trasferirli al computer
  • Sonde fotometriche

    sonde di altissima precisione con dinamica di 0-80,000 Lux, precisione di ±0,01 Lux, filtrate V(λ) con uno scostamento rispetto alla curva teorica ≤±1%
  • Software di gestione e controllo

    acquisizione secondo piani C- Gamma e visualizzazione curve fotometriche in tempo reale
TORNA SU